La rivoluzione hyperloop

Il trasporto terrestre potrebbe diventare veloce come gli aeroplani e rivoluzionare l’ambiente di vita.

Nel 1967, un ingegnere inglese, Eric Laithwaite, dimostrò che è possibile utilizzare le forze magnetiche per muoversi. Immagina un treno a levitazione elettromagnetica, il Maglev, che quindi non è in contatto con i binari a differenza dei treni convenzionali. I primi tentativi di sfruttamento commerciale, soprattutto in Gran Bretagna e Germania, non hanno avuto successo. Non è stato fino al 2004 che il treno a levitazione magnetica è stato rilanciato con l’inaugurazione della Transrapid di Shanghai, che collega il centro città al suo aeroporto in 7 minuti, situato a 30 km di distanza, con un picco di 431 km / h. Un successo che la rende la linea più veloce al mondo utilizzata dai trasporti regolari. Poiché i progetti e le realizzazioni si moltiplicano.

Nel 2015, l’SC Maglev (Superconducting Magnetic Levitation) ha raggiunto una velocità di 603 km / h sul tratto sperimentale di una linea che dovrebbe collegare Tokyo a Nagoya nel 2027 e poi a Osaka (400 km in linea d’aria) nel 2037. L’SC Maglev ha così battuto il record di velocità detenuto da un treno di 30 km / h.

Nel 2016 è stata messa in servizio una linea di 6 km che collega la stazione di Yongyu all’aeroporto di Incheon in Corea del Sud e un’altra linea di 19 km a Changsha, in Cina, che collega la stazione di Changsha-South alla Aeroporto internazionale di Changsha Huanghua, situato a ovest della città.

Nel 2018, sempre in Cina, la linea S1 della metropolitana di Pechino utilizza questa tecnologia per oltre 8 km.

Negli Stati Uniti la società Arrivo Loop ha concluso un contratto con lo Stato del Colorado per sviluppare, entro dieci anni, nella metropoli di Denver una rete di binari elettromagnetici in parallelo con le principali strade. L’obiettivo è permettere di viaggiare ad una velocità di 300 km / h secondo un principio ispirato al Maglev.

La vera rivoluzione, però, dovrebbe venire dall’Hyperloop, il concept presentato nel 2013 da Elon Musk il boss di Tesla, il leader dell’auto elettrica negli Stati Uniti.

hyperloop

L’hyperloop deve permettere, a un costo inferiore e senza danni all’ambiente, di collegare in pochi minuti città dove attualmente il viaggio in treno dura diverse ore.

Il sistema Hyperloop è costituito da cabine mobili che galleggiano su cuscini magnetici e circolano da una stazione all’altra all’interno di un tubo parzialmente evacuato per limitare l’attrito dell’aria. Ogni cabina può ospitare da 28 a 40 persone e viaggia a una velocità prossima a quella del suono, quattro volte più veloce di un TGV. La propulsione elettromagnetica delle cabine è assicurata da motori lineari ad induzione posti ad intervalli regolari lungo il percorso. L’energia è fornita da batterie alimentate e ricaricate da pannelli fotovoltaici fissati sopra il tubo. Secondo Elon Musk, dato il basso consumo energetico del sistema elettromagnetico, l’hyperloop dovrebbe essere una modalità di trasporto a energia positiva e restituire la sua energia in eccesso alla rete nazionale.

Con una partenza dalle cabine ogni 40 secondi, ogni linea poteva trasportare fino a 164.000 passeggeri al giorno. In modalità di trasporto, l’hyperloop può gestire 4000 container al giorno.

L’Hyperloop One ha già effettuato numerosi incoraggianti test che confermano la validità del concetto. Nel novembre 2020, per la prima volta, due passeggeri umani hanno partecipato a un test Hyperloop su un tunnel di prova di 8 km nel deserto del Nevada (Stati Uniti).

Oggi Hyperloop One ha concorrenti, in particolare HTT (Hyperloop Transportation Technologies) e Transpod.

HTT opera in una modalità cooperativa originale con circa 500 persone sparse in tutto il mondo e che lavorano in una rete con la sede centrale HTT che ospita solo una ventina di persone. I contributori ai progetti mantengono per la maggior parte un altro lavoro e vengono pagati in stock option HTT ha appena creato un centro di prova a Tolosa sull’ex base militare di Francazal, non lontano dalle officine Airbus Industries in un’area di business dedicata all’industria aeronautica e spaziale.

TransPod, una start-up canadese, con sede a Toronto, intende sviluppare un veicolo autonomo in grado di raggiungere velocità di oltre 1000 km / h come altri Hyperloop con un’infrastruttura alimentata da energia solare. L’obiettivo di TransPod è costruire una linea ad alta velocità Montreal-Toronto per il trasporto di passeggeri e merci.

È già stata avviata anche la prospezione commerciale per stabilire l’hyperloop a livello globale.

Un consorzio, FS Links, si è formato per studiare la possibilità di una linea hyperloop di 500 chilometri per collegare la Svezia alla Finlandia attraverso le isole Aland. Sia per i passeggeri che per le merci, il tempo di viaggio tra Helsinki e Stoccolma sarebbe inferiore a 30 minuti rispetto a una notte in traghetto. Il collegamento potrebbe essere pienamente operativo intorno al 2035.

In Medio Oriente è allo studio una linea da Abu Dhabi a Dubai, con l’obiettivo di ridurre il tempo di percorrenza dagli attuali 90 minuti a 10 minuti.

In Russia, Vladimir Putin ha espresso il suo interesse per hyperloop. Crede che il suo paese, con il suo vasto territorio, potrebbe essere uno dei primi paesi a sviluppare questo modo di trasporto e il fondo di investimento russo Caspian Venture Capital ha preso una piccola quota nella capitale di Virgin Hyperloop One.

Da parte sua, HTT ha concluso un accordo con il governo slovacco per studiare una rete hyperloop che colleghi la sua capitale Bratislava ad altre capitali europee come Vienna in Austria o Budapest in Ungheria. Con la città di Brno nella Repubblica Ceca, un accordo più preciso prevede la costruzione di una prima linea operativa Brno-Bratislava (130 chilometri) seguita da una seconda linea per collegare Brno a Praga, distante 240 chilometri.

Negli Emirati Arabi Uniti, HTT e Aldar Properties PJSC hanno avviato la costruzione dei primi elementi di una linea che collegherà Abu Dhabi alla vecchia città di Al Ain, patrimonio mondiale dell’UNESCO, in meno di 10 minuti (rispetto a oltre un’ora attualmente su strada).

In Indonesia, è in corso anche uno studio con investitori privati ​​per creare una rete hyperloop da Jakarta e determinare le possibilità di collegare Java e Sumatra. In Corea, HTT sta collaborando con il Korea Building and Civil Engineering Institute e la Hanyang University per sviluppare a livello locale HyperTube Express (HTX).

In India, presso Hyperloop One è allo studio una linea che collega Pune e Bombay in grado di trasportare fino a 150 milioni di persone all’anno con l’obiettivo di ridurre il tempo di percorrenza da 3 ore a 25 minuti. Con HTT si sta anche esplorando un collegamento tra le città di Amaravati e Vijaywada.

Negli Stati Uniti, HTT e il Cleveland Great Lakes Research Center hanno ricevuto dalla Northeast Ohio Planning Agency l’ordine di estendere il progetto già in esame per un futuro Hyperloop Great Lakes Hyperloop Cleveland – Chicago.

Negli Stati Uniti e in Canada, con lo sviluppo tecnico che dovrebbe portare la velocità dell’Hyperloop One a 1200 km / h, sono allo studio numerosi progetti per collegare le quaranta aree metropolitane del Nord America e i loro 100 milioni di abitanti. L’Hyperloop, funzionando come una metropolitana, potrebbe ridurre notevolmente i tempi di percorrenza tra le città americane. Con l’auto a guida autonoma che prevarrà quasi contemporaneamente e tutte le altre rivoluzioni tecnologiche che sono all’orizzonte, è l’ambiente di vita per l’intera America che cambierà profondamente nei prossimi decenni. Gli altri continenti, e l’Europa in particolare, seguiranno rapidamente la stessa evoluzione e la mappa dei trasporti del mondo potrebbe assomigliare alla mappa della metropolitana immaginata dall’artista Mark Ovenden nel 2003.

La mappa del mondo diventa una mappa della metropolitana (Mark Ovenden, 2003)

Articolo tratto da L’Apogée

La carte du monde devient un plan de métro (Mark Ovenden , 2003 )

Article extrait de L’Apogée

Disponible ici

L’APOGÉE : L’AVENIR EN PERSPECTIVE

Achetez ici le livre broché ou l’ebook (PDF, eBup, Mobi).

J’ACHÈTE MAINTENANT

Disponible ici

L’APOGÉE : L’AVENIR EN PERSPECTIVE

Achetez ici le livre broché ou l’ebook (PDF, eBup, Mobi).

J’ACHÈTE MAINTENANT